Cerca nel blog

18 dicembre 2009

Una cima cosi difficile e lunga – 14 Dicembre 2009

Ci sono cime difficili da salire. Non è mia la citazione, ma di una persona che raccontava cosi la nascita di un nipote.
La mia montagna difficile invece si chiama LCA. Una dura salita che durerà 5 mesi.
La parte più difficile spero davvero che sia la prima, quella di questi giorni. Devo abituarmi alle stampelle, non è facile vivere da soli e non poter usare le mani mentre cammini.
Cammini.
Qualche passo da qui a li.
E poi tanta fisioterapia. Per fortuna a casa. Però è ancora molto dolorosa. Se tanto mi da tanto dovrebbe però essere in calo questo dolore. Dovrei migliorare giorno dopo giorno.
E allora, con questo pensiero, auguro a tutti un sereno anno nuovo e pieno di montagne!






6 commenti:

vettenuvole ha detto...

Le cime alpine sono a volte difficili, ma sempre piacevoli da affrontare.

Questa qui è una rogna e basta. Non mollare! Alla fine tornerai sulle cime piacevoli. Buon recupero e buone feste!!

Dante ha detto...

Forza Silvia, un po' di meritato riposo e via ..... le montagne sono sempre li e ti aspettano
Buon anno.
Diska

cristian ha detto...

Verso maggio di quest'anno, a seguito di un'accidentale caduta in montagna (su un sentierino del caxxo), ho dovuto rassegnarmi ad uno "stop" forzato di tre mesi per aver subito una una forte distorsione ad una caviglia, poi rivelatasi, invece, una vera e propria frattura alla tibia. Nonostante il morale a pezzi, cio' che mi dava speranze, ed allietava la mia convalescenza, era il tuo blog e le bellissime fotografie pubblicate. Attraverso quelle immagini venivo trasportavano virtualmente in quei luoghi che, noi, spesso frequentiamo ed amiamo tanto.
Nell'augurarti un sereno S. Natale ed una pronta guarigione, spero che, analogamente quanto hanno suscitato in me le tue fotografie, quelle pubblicate nel mio sito (www.cristianriva.it) possano far pesare meno la tua obbligata convalescenza.
Buone Feste !!!
Cristian

Arterio Lupin ha detto...

Cara Silvia,

mi mancheranno i tuoi resoconti, questo è poco ma sicuro...
So, però, che, costretta a startene "buonina" per un paio di mesi, saprai approfittarne per preparare un "piano di guerra" futuro...
E ben presto tornerai a deliziarci con foto e racconti, belli da leggere, guardare e utili per farsi venire voglie, idee, spunti...

Passa un Buon Natale e, nonostante le stampelle, Buon Anno Nuovo!!

Ah, dimenticavo... Le stampelle sono telescopiche o con la picca???

Ti immagino con le stampelle firmate Petzl e le ciaspole...

auguroni Silvietta!!!

Andrea62 ha detto...

Del tuo LCA già conosco tante cose. Sono però contento di vedere i tuoi progressi gradualmente.


Invece non sospettavo niente del nuovo aspetto del tuo blog e mi sembra ottimo!
Andrea

Valsesia 2000 ha detto...

Sei in buona compagnia, io il 2/12/09 in Val Biandino, scendendo dal Rifugio Tavecchia, sono scivolato stupidamente sulle foglie morte, procurandomi una frattura al malleolo pereonale destro, ho già tolto il gesso, porto un tutore, cammino già con una stampella sola e sto facendo anche io la fisioterapia. Auguri per il tuo intervento. (Paolo)